Eventi

                  17 maggio 2017

Il prossimo 17 maggio 2017 dalle ore 10.00 alle ore 13.00, presso la Sala Conferenze dell’Area della Ricerca del CNR di Roma 1, via Salaria km 29,300 – Monterotondo (RM), si svolgerà un Convegno dal titolo “Scienza e imprese: tecnologie innovative per il patrimonio agroalimentare e culturale del Lazio“.

L’iniziativa, organizzata nell’ambito del progetto ITER, è rivolta a tutte le realtà del Lazio che  operano nei settori Agroalimentare e Beni Culturali.

Per maggiori informazioni: iter@imc.cnr.it

Scarica locandina evento.


                  26 ottobre 2016 

Presso la Sala Conferenze dell’Area della Ricerca del CNR Roma 1 – Monterotondo (Roma) – si svolgerà, il 26 ottobre 2016 alle ore 10.00, una giornata dedicata al settore agroalimentare dal titolo “Il contributo della Ricerca alla valorizzazione dei prodotti agroalimentari del Lazio”. L’evento fornisce l’occasione per far emergere i bisogni di innovazione e di tecnologie dal parte del mondo produttivo e le possibilità, attraverso il contributo della ricerca scientifica, per individuare nuove soluzioni, tecniche, approcci, metodologie, ecc…

L’iniziativa, organizzata nell’ambito del progetto ITER, è rivolta principalmente a tutti gli operatori del settore agroalimentare del Lazio.

Per maggiori informazioni: iter@imc.cnr.it

Scarica locandina e programma dell’evento.

 

3 giugno 2016 

peperino

Il giorno 03/06/2016, nell’ambito del progetto ITER e della manifestazione Peperino in Fiore, si è svolto presso la Sala Consiliare del Comune di Vitorchiano (provincia di Viterbo) l’evento “Il Peperino: tra Innovazione e Tradizione”, volto a disseminare le competenze maturate da IMC-CNR sul peperino come materiale caratterizzante il territorio di Vitorchiano e, più in generale, della Tuscia sotto il profilo paesaggistico, culturale, geologico ed economico.

Il Peperino tra innovazione e tradizione

La presentazione di Carmelo Cannarella, tecnologo presso l’Istituto di Metodologie Chimiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IMC-CNR), ha riguardato alcuni aspetti salienti del territorio locale (sotto il profilo naturalistico, storico, archeologico, architettonico, sociale ed economico) connotato dalla presenza del peperino come elemento saliente del paesaggio, della cultura e dei saperi locali che si sono stratificati nel tempo. In particolare questi caratteri sono stati collocati alla base di potenziali modelli di sviluppo fondati sul positivo connubio tra tradizione locale e fattori capaci di attivare virtuosi processi innovativi. Partendo quindi dal peperino come risorsa dei “luoghi” è possibile prevedere un più stretto rapporto fra centri di ricerca e agenti locali (anche tramite specifiche azioni e iniziative di trasferimento tecnologico e movimentazione delle conoscenze) come focus centrale su cui fondare processi innovativi fondati sulla tradizione anche per la definizione di modello efficace ed efficiente di sviluppo locale.

Peperino Tipico Viterbese: roccia del passato e materiale del futuro

A cura del Dott. Piero Ciccioli, ricercatore geologo presso l’Istituto di Metodologie Chimiche del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IMC-CNR)

Seminaripeperinoo scientifico divulgativo sulla storia del Peperino. Un viaggio che parte dalle origini geologiche della roccia e illustra il ruolo centrale che ha avuto il Peperino nella definizione del paesaggio e della cultura locali, ripercorrendo gli utilizzi che ne sono stati fatti nel tempo, sino ad arrivare alle più recenti applicazioni tecnologiche nell’ambito dei nuovi materiali ecosostenibili.

Breve tavola rotonda con i partecipanti sulle possibilità di avviare, nell’ambito del progetto biennale ITER coordinato da IMC-CNR per il programma FILAS della Regione Lazio, ulteriori attività di disseminazione delle competenze maturate dai ricercatori CNR, finalizzate a stimolare attività di trasferimento tecnologico nel comune di Vitorchiano, che possano valorizzare le tipicità locali e supportare lo sviluppo imprenditoriale. In particolare, sono state discusse le possibilità di diffondere e trasferire le competenze di IMC-CNR sulla realizzazione di “rocce artificiali” a partire dal riutilizzo di materie prime secondarie, come gli scarti di cava di Peperino, affrontando anche gli aspetti inerenti le possibilità concrete di acquisizione tali tecnologie, quali modalità di cooperazione pubblico-privato e accesso a finanziamenti pubblici.

20 aprile 2016 

CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE
AREA DELLA RICERCA DI ROMA 1
AULA CONVEGNI, 20 APRILE 2016 ORE 9:30

I ricercatori CNR dell’Area di Ricerca Roma-1 incontrano le aziende del Lazio.

Una giornata dedicata al settore agroalimentare e a quello dei beni culturali, per stimolare l’interazione tra le esigenze delle imprese e l’innovazione tecnologica della ricerca.

Il principio di riferimento di questa iniziativa è che il trasferimento tecnologico, così come qualsiasi attività diretta alla movimentazione e diffusione della conoscenza, è fondamentalmente un processo di apprendimento.

All’interno di questo processo, le imprese sono chiamate a valutare in primo luogo i loro bisogni di innovazione e comprendere le modalità attraverso le quali è possibile venire in contatto con i centri che generano conoscenza. Queste sono le premesse per poter successivamente acquisire, implementare ed impiegare nel breve-medio termine innovazioni e tecnologie innovative.

Ciò significa che la disponibilità di risorse economiche, non aiuta di per sé le imprese, particolarmente le piccole e medie imprese (PMI), a identificare i propri bisogni di innovazione e ad impiegare le risultanti tecnologie. In realtà quello che serve primariamente è ridurre il gap fra i generatori di conoscenza ed innovazione ed i potenziali utilizzatori.

In questo senso la “conoscenza” è il motore principale di qualsiasi forma di produzione. La capacità di condividere ed impiegare diverse tipologie di conoscenza è la precondizione quindi per costruire processi di sviluppo economico sostenibili (in senso ambientale, economico e sociale) di successo.

Scarica la brochure